Come si fa a (non) morire.

    Sto studiando come si diventa vecchi. Ho un parco di studio che è l’ospizio, posto dove si dà per sempre ospitalità. Nell’entrare sembra un dormitorio di catalletici. Poi, guardando bene, vedi che, minuscola, piccola piccola, esile come un filo da pesca, c’è ancora la vita. Il cuore batticchia ancora, ma non è giusto come il nostro. Molti non vincerebbero la maratona di N.Y. Di alcuni diresti non arrivano alla fine del mese, di altri, litigiosi come dannati da sembrare eterni,  si schiantano durante il sonno come quando il macellaio con un colpo di pestacarne d’acciaio appiattisce una scaloppa. Ma come, non era quella che gridava sempre? Ora è lì schiaccata in un letto. Quasi tutte donne. Quasi tutte emiplegiche da...

Visit Us On FacebookVisit Us On Linkedin

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi